Salta al contenuto principale
x
Inviato da La Città della Luce il 10 July 2019
Festa d'Estate: Tempo di Celebrare!

Tra il 1943 e il 1954 lo psicologo statunitense Abraham Maslow concepì il concetto di "Hierarchy of Needs" (gerarchia dei bisogni o necessità), sintetizzata nella famosa Piramide di Maslow. In questa rappresentazione i bisogni dell’essere umano vengono raggruppati in cinque categorie, secondo una gerarchia biologica ed esistenziale. Composta in totale da 5 gradini, si può raggiungere il livello più alto, l’ultimo gradino, solo se i bisogni situati ai gradini inferiori sono soddisfatti.

Alla base quindi i bisogni fisiologici – respirazione, nutrimento, eliminazione delle scorie, riposo e riproduzione – e i bisogni di sicurezza – finanziaria, fisica (salute e benessere) e di protezione della famiglia. Una volta che la sopravvivenza è assicurata, che ci sentiamo sicuri nel corpo, garantita la sussistenza economica e la protezione della famiglia, ognuno di noi è spontaneamente portato a cercare la soddisfazione dei bisogni sociali: è il terzo gradino.

Troviamo in questo livello il bisogno di relazione, di cooperazione, di intimità e di affetto che spingono naturalmente l’uomo a cercare l’amore, l’accettazione e un gruppo a cui appartenere, l’aspirazione di ognuno di noi ad essere un elemento della comunità. Interessante notare che se i bisogni di sopravvivenza non si ripresentano una volta soddisfatti, i bisogni sociali e relazionali rinascono con nuovi e più ambiziosi obiettivi da raggiungere.

A questo livello quindi, il bisogno di vivere relazioni ed emozioni guida il comportamento umano, in questo livello ci nutriamo delle relazioni che riusciamo a vivere, impariamo da esse, in esse ci rispecchiamo e ci sentiamo vivi, parti di un qualcosa di più grande di noi: la rete sociale che naturalmente unisce tutti gli uomini e le donne.

 

Festa d'Estate: Tempo di Celebrare!

 

Fin qui i bisogni “inferiori” cioè quelli fondamentali o primari, che spesso però occupano tutte le nostre energie o diventano lo scopo ultimo della vita: in realtà ci sono due ulteriori livelli, i bisogni superiori. Salendo ancora sulla nostra scala, l’uomo cerca il rispetto e l’apprezzamento, ha bisogno di sentire che le sue azioni hanno un impatto positivo sull’ambiente circostante, così da poter riconoscere il valore personale e soddisfare la propria autostima.

Se il cammino è stato percorso con cura, possiamo giungere all’ultimo stadio: i bisogni di autorealizzazione. L’autorealizzazione è l’appagamento ultimo e nel contempo la spinta primaria e la ragion d’essere della specie umana: il bisogno di esprimere la propria unica e irripetibile verità e i propri talenti in un’opera creativa che lasci il segno del proprio passaggio su questa Terra. Molto interessante la visione che il Dragon Dreaming ci offre sui passi fondamentali da seguire per giungere al successo.

Questa teoria si sviluppa nell'ambito della Fondazione Gaia dell'Australia Occidentale da John Croft a altri. L’Australia è terra del Serpente Arcobaleno, creatura mitologica creatore della Terra, legato all'Acqua, alla Vita, alle relazioni sociali e alla fertilità; qui è ancora pulsante il tempo del sogno, la cultura aborigena (anche se decimata) ha potuto tramandare il suo messaggio di una spiritualità volta a sostenere il Grande Cambiamento: la trasformazione della consapevolezza umana attraverso una nuova cultura di sostegno alla vita.

Ogni progetto nasce dal sogno di un singolo, ma perché molti non arrivano mai a compimento? Le statistiche realizzate dalla fondazione Gaia sullo sviluppo dei progetti hanno evidenziato che: il 90% di tutti i progetti nasce ancor prima di essere condiviso, rimane il classico “sogno nel cassetto”. Quelli che sfuggono alla barriera della nostra sfiducia, del nostro giudizio e che riescono a essere condivisi devono affrontare un'altra barriera: la pianificazione. In questo stadio un ulteriore 90% dei progetti viene abbandonato e solo il 10% dei progetti realizzati raggiunge i 4 anni di vita .

 

Festa d'Estate: Tempo di Celebrare!

 

Secondo questa teoria quindi è basilare che ogni progetto superi queste soglie: sogno, pianificazione, attuazione. Potremmo ora essere portati a pensare che se siamo in grado di sognare, di condividere il nostro sogno, pianificarlo e metterlo in pratica, il gioco è fatto... ebbene no! Perché l’ultimo e fondamentale step del ciclo che caratterizza un progetto di successo è il momento della Celebrazione dei risultati ottenuti.

È in questa fase che ricarichiamo le pile, che attraverso la celebrazione (da celeber – render noto) di ciò che abbiamo realizzato, possiamo fare una bella scorpacciata di entusiasmo per ricominciare a sognare ad avviare un nuovo ciclo di vita del nostro progetto. Secondo l'esperienza australiana, i progetti diventano insostenibili se tralasciamo uno qualunque dei 4 passi del Ciclo del Dragon Dreaming: sogno, pianificazione, attuazione e celebrazione.

Ad ognuno di esse va dedicato il 25% dell’energia e delle risorse a disposizione del progetto. Il noto fenomeno del burnout, tipico dei manager moderni, può essere imputato proprio a uno squilibrio nell’impiego delle energie individuali: essendo tendenzialmente orientati, nella cultura occidentale, alla pianificazione e all’attuazione, manca la possibilità di rigenerarsi per ritrovare rinnovato entusiasmo nella vita e nel progetto.

Anche Albert Einstein diceva:

“Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste.
Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri
e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà.
Non c'è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica.”

 

Foto di gruppo della Festa d'Estate 2018

 Foto di gruppo della Festa d'Estate 2018

Per questo a La Città della Luce abbiamo deciso di riservare un tempo speciale per tutti voi, che state cercando un tempo e uno spazio in cui ricaricare poter sintonizzarvi su frequenze di Luce, Amore, Rispetto, Speranza e Fiducia nel futuro. Un tempo in cui dedicarvi a voi stessi, al vostro rapporto con la Natura, alla vostra dimensione creativa, alla vostra relazione con il Sacro e con l’altro.

Abbiamo quindi il piacere di invitarvi dall’1 al 4 agosto 2019 alla seconda edizione della nostra Festa d’Estate!

Con un programma completamente rinnovato, la nostra festa quest’anno sarà un evento unico di celebrazione di tutti i nostri successi, i traguardi raggiunti, le mete conquistate, le sconfitte come le vittorie: riconoscendo e onorando il valore delle esperienze che ci hanno portato ad essere oggi ciò che siamo. Così da ricaricare le nostre pile con fiumi di gioia, ricchezza, colori, natura, benessere, consapevolezza… e buona compagnia! In una dimensione comunitaria che possa risvegliare il nostro essere Uno con la Natura e con la Grande Tribù a cui ognuno di noi appartiene: il genere Umano.

Saremo lieti di aprire la nostra casa, per offrirvi un luogo e un tempo in cui dedicarci all’arte, la musica, il gioco, la creatività e le relazioni umane, come strumenti per celebrare la Vita, per innalzare gli animi e per ricordarci la preziosità del nostro Essere qui. Condivideremo del buon cibo, preparato con amore a base di ingredienti sani, i nostri operatori saranno a vostra disposizione per farvi provare tutti i nostri consulti e trattamenti, così da soddisfare la vostra curiosità e i vostri bisogni di benessere e consapevolezza. Rifocilleremo ogni singola cellula del nostro corpo con frequenze di gratitudine, amore, gioia, comprensione, unione e verità.

Uno spazio speciale sarà dedicato ai bambini, che avranno tutte le cure e le attenzioni che meritano, con giochi in natura, spazi di creatività, di interazione, di riposo e di libera espressione. Il team de La Tana del Tasso sarà presente per proporre una accurata selezione di attività che promuovano l’ascolto di sé, dei propri bisogni e desideri, l’ascolto del gruppo e delle sue necessità, trovando il gioco che unisce e mettendo al centro del nostro intento la buona relazione con sé stessi e con gli altri.

Vi aspettiamo!

Articolo a cura di Laya Annalisa Di Salvo

 

Festa d'Estate: Tempo di Celebrare!

 

TUTTE LE ATTIVITÀ SONO GRATUITE
PER I SOCI DE LA CITTÀ DELLA LUCE

Sei interessato a partecipare?
Ti servono maggiori informazioni?
Visita il sito della Festa d'Estate
o chiamaci allo 071.7959090

The website encountered an unexpected error. Please try again later.