Arriva la Primavera!

 

Arriva la Primavera! L’inverno volge al termine e lascia il posto all’energia dell’Est, del sorgere del Sole; Persefone, dal regno degli Inferi, torna alla Luce come Kore, e porta con sé la giovinezza, l’innocenza e la leggerezza; Diana (Artemide), dea della luna crescente, simbolo della natura selvaggia e incontaminata si risveglia, Afrodite, dea per antonomasia dell’Amore, forza superiore che attrae, favorisce il risveglio dei sensi, l’accoppiamento e quindi la nascita di ogni cosa.

In tutto il mondo la primavera è un momento magico e potente in cui purificarsi e celebrare: in Asia Centrale l’equinozio di primavera coincide con l’inizio del nuovo anno, celebrato nella festa del Nowruz – da No (nuovo) e rouz (giorno), in particolare in Iran si iniziano i festeggiamenti con il Khane Tekani in cui si ripulisce e mette a nuovo la propria casa, la si decora con fiori e si comprano vestiti nuovi.

Dopo la fase di purificazione, si passa alla celebrazione: si da il via al Chahârshanbe Sûrî, la festa del fuoco, si esce nelle strade di notte e si accendono falò sui quali gli uomini saltano al ritmo di canti tradizionali e nell’Haft Sîn, letteralmente le “Sette S”, si prepara un pasto con sette elementi il cui nome inizia con la lettera “esse” (il sette è un numero sacro, questo pasto dona quindi agli abitanti della casa fortuna, salute, prosperità, purezza spirituale e lunga vita).

Famoso in tutto il mondo è l’Holi Festival, celebrato nel nord dell’India, in cui migliaia di persone, cantando e ballando, si lanciano addosso polvere colorata trasformandosi in arcobaleni viventi, si accendono fuochi per celebrare la vittoria del bene sul male, è un momento per incontrarsi e divertirsi, è la giornata in cui si dimenticano i dolori e si perdona.

 

 

Seguendo la tradizione quindi, in questo importante momento di passaggio vogliamo condividere con voi due appuntamenti speciali: una purificazione secondo i principi dell’Ayurveda, per riattivare il corpo dopo il "lungo sonno" della stasi invernale, durante il quale ha ridotto l'attività metabolica, sciogliendo la tendenza alla riserva e alla conservazione delle energie, e una Festa di Primavera a base di musica, gioco, arte e natura, per celebrare e gioire insieme del nuovo ciclo che inizia.

In questo periodo di transizione infatti è piuttosto comune la percezione di non sentirsi al massimo della forma fisica e mentale, si potrebbero avvertire segni di affaticamento, di debolezza, mancanza di concentrazione e spossatezza, come ad esempio: difficoltà digestive, costipazione o movimenti intestinali irregolari, desiderio smodato di cibi dolci, salati o speziati, cali di energia, ansia o stress, difficoltà ad addormentarsi o risvegliarsi, letargia.

Sono tutti segnali che il corpo manda per avvertirci che il livello di tossine nel nostro sistema è alto: piuttosto che focalizzare le nostre energie nell’affrontare singolarmente questi piccoli squilibri, potrebbe essere opportuno provvedere a una profonda pulizia di tutto il sistema per ripristinare un sano equilibrio psico-fisico.

Per chi pratica yoga, ad esempio, in questo periodo può trovare grande giovamento dagli asana di torsione, che lavorano sui tessuti profondi e sugli organi interni, in particolare su stomaco, intestino, reni e fegato, ovvero gli organi principalmente interessati dai processi di intossicazione, aiutano a sciogliere tensioni muscolo-scheletriche e ridonano elasticità al corpo.